A PIECE OF HEAVEN

Ciro Cenatiempo
IL BELLO E IL BUONO
il blog di Ciro Cenatiempo
IL BELLO E IL BUONO

Il libro. «Due baci e piccole ferite», horror dal Sannio e brividi per Halloween

Ho una personalissima bibliografia portatile da viaggio (sulla rotta Ischia-Napoli e al contrario) che abita nella mia borsa, tra penne e matite: sono libri di medio-piccolo formato, li divoro rapidamente per curiosa passione, per ovviare alla routine del moto ondoso. Spazzano via l’afasia in caso di noia in agguato.

Antonio Pedicini 2Antonio PediciniDa un po’ di tempo nel mio immaginario preferito, quello antropologico, sono entrate le streghe e soprattutto le fascinose janare.

La mia rotazione libresca è però continua. Ed ecco che, all’improvviso, s’è conquistato un posto d’onore il titolo che non m’aspettavo, per via delle mie discontinue frequentazioni con il genere in versione cartacea, quello da… paura.

«Due baci e piccole ferite», è l’ultimo libro di Antonio Pedicini (Kairós edizioni, 216 pagine, euro 15,00) e mi ha sorpreso e coinvolto perché è un distillato di horror mutante che è la naturale evoluzione – drop by drop - di un’appartenenza geografica, culturale e dunque identitaria molto forte e spiritata: il Sannio.

Qualcuno mi ha detto – giocando con le metafore - che durante la scorsa estate, caldissima, si è rinfrescato grazie ai brividi autoriali indotti dalla lettura tutta-d’un-fiato dell’antologia di racconti firmata da Antonio, napoletano di nascita (1976) ma con origini, appunto sannite, ben impresse nel suo corredo genetico.

Io direi invece che le sue storie sono un concentrato di ghiaccio bollente, evocando il più classico e vetusto degli ossimori, almeno da quando il funambolico Tony Dallara (era il 1959!) lanciò una canzone che si chiamava così (era sull’andante erotico malcelato, più che melodico). Per questo, e non ho dubbi, è il libro che bisogna leggere in questa stagione: a ridosso di Halloween! Se non ora, quando?

Stop alle divagazioni. Promesso. Anche se i salti ironici sono indotti dal modo stesso di proporsi con leggerezza di Antonio Pedicini.

Torniamo a «Due baci e piccole ferite». Anzi, prima all’autore, che ho incontrato non troppo tempo fa per questioni di Cinema. Certo, il Cinema, è questo il suo mondo (e c’è anche la musica), e se lo porta appresso quando scrive: Antonio è un regista raffinato, ricercatore oltre che narratore e saggista proteiforme.

Del resto, dopo essersi diplomato con il massimo dei voti al liceo artistico, ha cominciato a realizzare storyboard e sceneggiature per produzioni professionali a Roma. Come regista ha scritto e diretto numerosi cortometraggi, tra i quali «La traccia della vita», vincitore del premio Rai per «Inail: save the talent». In narrativa, dopo l’esordio con «In viaggio con il Maestro» (Albatros, 2011), c’è «Il diario di Burrasca» (SplendidaMente, 2016); e poi «Pink Floyd, musica per immagini», un fascinoso studio sul cinema del mitico gruppo pubblicato da Arcana nel 2017.

Nel frattempo, aspetto l’uscita del lungometraggio «Posso baciarti?», produzione Rio Film.

Se avete voglia di curiosare immediatamente tra i suoi lavori, date un’occhiata al canale YouTube di Kairós edizioni, e in particolare alla «Magia delle janare», che è stato il preludio all’editing e alla pubblicazione del blocco di racconti «Due baci e piccole ferite», che era in attesa da un po’…

«Infatti era da molto che avevo nel cassetto questa antologia che sintetizza le mie predisposizioni per l’occulto e oltre», ammette Antonio.

«Penso che l’horror nasca dalle profondità della mente umana, tutti abbiamo zone d’ombra dentro noi. Non a caso cito Karl Gustav Jung: “Non c’è presa di coscienza senza sofferenza”. Mentre gli occultisti ci parlano della figura archetipa dell’Elmer, ossia “il guardiano sulla soglia”: è un’entità che si nutre delle nostre paure per esistere e si manifesta proprio quando siamo alla soglia di un’evoluzione interiore». Più ne parla, più lo ascolti, più ti rendi conto che Pedicini è uno studioso appassionato che indaga le tradizioni facendo leva su un apparato teorico consolidato, proprio come piace a me, fino a svelare le connessioni tra le abitudini popolari umbratili che affondano nel passato millenario dei miti.

Il titolo della raccolta, «Due baci e piccole ferite», va detto, è frutto della citazione di un autore di stratosferica grandezza, Stephen King, lo scrittore con più adattamenti cinematografici di opere all’attivo.

«King – aggiunge Antonio - ha infatti detto che un racconto è “come un bacio veloce”, perché ti provoca un fugace brivido. Ma i brividi si provano anche per amore. E questo è l’altro filo conduttore di questo lavoro: amore e paura, eros e thanatos. Per me amore e paura sono sentimenti speculari, si può amare fino alla follia; e non è l’odio che uccide, ma l’amore, come testimoniano vicende di cronaca nera. Amare significa rischiare continuamente, scommettere, osare; e poi magari conquistare e combattere allo stesso tempo con la paura di perdere quello stesso amore. I “baci” del titolo sono i racconti lunghi che aprono la raccolta e le “piccole ferite” sono ciò che resta dopo i “grandi baci”».

Ciro Cenatiempo

Ho una personalissima bibliografia portatile da viaggio (sulla rotta Ischia-Napoli e al contrario) che abita nella mia borsa, tra penne e matite: sono libri di medio-piccolo formato, li divoro...

Ciro Cenatiempo

Ogni vitigno piantato, quando germoglia, è un inno alla gioia. È come una sveglia filogenetica. Fa vibrare. Ti fa venire ‘u fridde ncuollo. Ci riconduce alle radici, ci spiega chi siamo....

Ciro Cenatiempo

Che una esposizione diffusa con soluzioni site-specific goda della reciprocità influente tra gli artisti e i luoghi che la ricevono, è un effetto scontato. 

Ciro Cenatiempo

Mi sono dimenticato ancora una volta di chiedere perché il ristorante «Duilio» si chiama così. Potrei immaginare che il locale sia stato dedicato a un pugile molto famoso negli Anni Cinquanta e...

Ciro Cenatiempo

Il sentiero che sale dall’Arenella non è lungo, né troppo accidentato. Zompo rapido tra parracine di pietre laviche dell’Arso, rocce nere compatte che hanno compiuto 720 anni.

Ciro Cenatiempo

Quando torno sulla terrazza del «Miramare e Castello», albergo che ha nel nome la sintesi apologetica del bello made in Ischia, immagino puntualmente di essere ospite sul ponte di uno yacht di...

Ciro Cenatiempo

«Bubbessa». Vi dice niente? È una parola femminile. Ma è nata come un soprannome maschile, trasformato poi in un ampio appellativo familiare che ha il sapore e il potere del mare.

Ciro Cenatiempo

Mettiamola così, per cominciare: «La donna è un’isola». È una affermazione apodittica ed è il titolo in italiano di un bel lavoro, originale e a tratti bizzarro della scrittrice islandese Auður Ava...

Ciro Cenatiempo

A volte avverto l’impulso di rivendicare l’autarchica genesi di questo spazio, non per ribellarmi alla (presunta) dittatura delle convenzioni, ma per giustificare le scelte più intime. Ci sono...

Ciro Cenatiempo

Il mio amico Marco Cortese, architetto, fotografo, designer e creativo ha deciso - da un po’ di tempo in qua – di lasciarci una traccia identificativa del suo multiforme percorso stilistico.

Ciro Cenatiempo

Vi propongo qualcosa d’inedito e risalente a qualche tempo fa: è un microracconto in più episodi legati tra loro dalla passione per il vino e non solo. Non ho mai avuto un diario. Dunque lo scrivo...

Ciro Cenatiempo

Mi faccio un regalo. E lo condivido. Per il VentiVentuno del secolo 21. Cabalisticamente non è niente male, andate a verificare. E poi, nella Smorfia, il 21 è la «donna nuda». Ahi,...

Ciro Cenatiempo

Stavolta sembro fuori contesto. Apparentemente. Recupero una «cosa» di qualche anno fa perché l’ultimo dei due protagonisti di questa storia se n’è andato in questo novembre del Venti Venti per...

Ciro Cenatiempo

Ueee, cos’è questo, miele? Sì, miele. Ma questo è un po’ diverso: è libero, è selvatico. Ed è proporzionale. Ma come? Te lo spiego: è proporzionale al paesaggio che lo contiene. Meno bellezza vedi...

Ciro Cenatiempo

È un soffio vorticoso, vibrante ma morbido e nobile, ritmato, e non è un rumore banale: arriva dalla cucina, è il suono delle uova appena sgusciate e poi battute rapidamente da mamma Iolanda....

Ciro Cenatiempo

Ehi, lo sapevi che, quando li coltivi in alto, molto in alto, ai pomodori col pizzo non devi far vedere l’acqua? Non m’importa cosa facciano altrove i contadini, ad esempio sulle dorsali vesuviane:...

Ciro Cenatiempo

Fotografo la bottiglia di «Castello» stappata da un bel po’, ormai in tarda serata, poggiandola sul parapetto che dà le spalle alla maestosa cupola della Chiesa dell’Immacolata. L’etichetta, che...

Ciro Cenatiempo

Le variazioni sul tema sono infinite. Farine e nuvole; semole, panetti e grammi; lieviti madri e padri, e lievitazioni lunghe o farlocche; paste cresciute o screscitate; forni, a legna, a gas,...

Ciro Cenatiempo

Eh, lo so, con questo titolo rischio la blasfemia. Sarò pure irriverente, ma mi stuzzica evocare una delle leggende ischitane più famose

Ciro Cenatiempo

Conigli di qua e conigli di là. Si fa presto a dire «coniglio all’ischitana», piatto totemico, ricetta identitaria. Alla prova – in trattoria o ristorante - le delusioni superano ampiamente le...