A PIECE OF HEAVEN

Ciro Cenatiempo
IL BELLO E IL BUONO
il blog di Ciro Cenatiempo
IL BELLO E IL BUONO

Luce a Cavascura: è mozzarella in carrozza

È un soffio vorticoso, vibrante ma morbido e nobile, ritmato, e non è un rumore banale: arriva dalla cucina, è il suono delle uova appena sgusciate e poi battute rapidamente da mamma Iolanda. Ed è una danza aperitiva, il segnale per papille e pupille: «Rosà, stanno preparando le mozzarelle in carrozza per noi!». Un bagliore soddisfatto s’impossessa dello sguardo di Rosanna. 

Mozzarella in carrozza da Stalino 2

La doratura luminosa e complice, avvolge il fior di latte poggiato con voluttuosa soddisfazione sulla fetta di pane cotto a legna, che è di suo consistente, intenso. Il risultato fa lo sprint, per personalità e carattere, con tante specialità della friggitoria mediterranea. E vince. Eppure ricordo che nel secolo scorso la superba custode dei segreti della «Cucina napoletana», Jeanne Caróla Francesconi, fece un feroce sgarbo. Si dedicò con poca voglia alla descrizione della ricetta: scrisse di «pane raffermo» e «tramezzini», forse sotto l’influenza di certe frettolose pappatorie cittadine… 

Lo ricordo bene. Eh, no, ci vuole un cazziatone postumo, con tutto il rispetto. Se si parla di questa signora Mozzarella in Carrozza, bisogna usare le maiuscole. E poi, non vuoi aggiungere che Rosalia, 18 anni, le accompagna in tavola con generosa flessuosità e un sorriso che ti fanno ben sperare nel futuro? E il valore ulteriore è in quel sentiero di conoscenze che anche Anna, 24 anni, cuoca con entusiastica vocazione ha già intrapreso: i gesti esemplari fanno trionfare l’umiltà degli ingredienti. Papà Leonardo Iacono se la gode sornione: è un ottimo maestro! Il pane scelto e tagliato con cura si lascia avvolgere nello sfrigolio della frittura orgoglioso del suo profumo, fino ad esaltarsi nel destino compattato dal fuoco e dell’albume, creando due «isole» nel piatto. Punteggiate di pepe, bollenti e leggere, ammutoliscono i nostri ‘nciuci di fine estate. E zittiscono i babbasoni del gusto. Vecchi e nuovi. Ce ne sono a migliaia. 

Mammia mia, che fame, ragazzi. Dopo un pomeriggio beatitudinario, trascorso a giocare in acqua appallottolando un foulard, e poi ad asciugarmi sulla grana sabbiosa delle Fumarole, lo spigolo selvaggio della parte occidentale della spiaggia dei Maronti, ho scandito i minuti – nell’attesa delle sette di sera - come un bambino che gioca a nascondino. 

Mozzarella in carrozza da Stalino 2Mozzarella in carrozza da Stalino 2

Eccomi, finalmente, a Cavascura per l’ennesimo rendez-vous di stagione alla «Taverna Pietropaolo – Stalino» (telefono: 081.905870 – 320.6341345), la grotta della storia ciclica dell’appetito e della gioia, della naturalezza preservata in forma di trattoria, che quest’anno ho eletto al vertice della personale classifica mangiatoria. Il motivo? Più di uno. 

E poi, vuoi mettere: tranne gli spaghetti con aglio e olio (e peperoncino fresco), o i bucatini; ho sempre usato le mani. Ho goduto, nzevato, tra scarpette e inzuppate, in un sancta sanctorum di preparazioni minimaliste e abbondanti, dunque perfette: sauté  di cozze, vongole e cannolicchi; sugo di coniglio; fritture di pesce povero e insalate sgranocchiose, fino all’apice dell’ottimismo, le zeppole…innevate di zucchero. Mozzarella in carrozza da Stalino 2

Mozzarella in carrozza da Stalino 2Certo, ormai, questo posto lo conoscono tutti, è uno dei miti d’Ischia inglobati nel vulcano e nelle acque ipertermali. Appena ti siedi, il sesto senso ti guida e ti strega. L’atmosfera interiore è governata da Vincenzo, che è nato nel ’93 ma è uno straordinario professionista, un già veterano che si muove tra le pareti intrise di immagini epocali, di ricordi quasi ancestrali, rivolgendosi ai frequentatori con una dote spiccata e consapevole: l’accoglienza verace. Friendly ed elegante, si vede che è cittadino del mondo: ha studiato al glorioso Istituto alberghiero di Ischia… Enzo si è diplomato col massimo dei voti, facendo una tesina sul libro bellissimo scritto dal mio amico Angelo Conte e intitolato «Il Principe di Cavascura» che è un inno all’unicità di una terra che per Gianni Mura era cappadociana, impastata di mare e minerali, con dolmen, forre e calanchi. 

Mozzarella in carrozza da Stalino 2Enzo parla molte lingue, d’inverno va a perfezionare il mestiere all’estero, proprio come si faceva una volta. Ha una marcia in più. Auguro ad Antonio, il fratello più piccolo, di prenderlo davvero come esempio… Tant’è. Tutta la famiglia Iacono è rassicurante e infonde speranza. 

Anche se ho un cruccio forte: possibile che a Cavascura bisogna scendere in quad, fuoristrada, quattroperquattro, motocross e quant’altro? Diamoci una mossa, cerchiamo di tenere un po’ più lontani questi mezzi… 

Per il resto, la Taverna è come la vuoi: un ambiente letterario per le menti sottili; una mèta popolare per i gustatori di semplicità e i fanatici dei sapori «di casa»; una riprova identitaria per i narratori del proprio sentirsi globetrotter appagati; uno spicchio fertile di poliglottismo che evoca i «Figli dei fiori», gli artisti e gli intellettuali. E ti fa incontrare, come se niente fosse, perché non c’è bisogno di nascondersi, i vip e i nuovi ricchi di questa Terra Promessa; gli amanti tout-court e in fuga; e gli amanti dell’insularità resiliente che adora i «tempi belli d’una volta», pur sprofondando, a volte, in un fiume di cliché.

Sto qui ancora, con Rosanna, nell’affresco movimentato dalla memoria amorosa, accesa dalla favola di Pietropaolo che aveva i baffoni e quella faccia un po’ corrucciata alla Stalin che gli valse un soprannome gigantesco - nuotando in un oceano di ormoni montanari - e due mogli, Angelina e Amalia. Stalino divenne presto un Super Nome, di cui il mondo e le pance degli umani, si sono alimentati per poi riempire i ricordi di un’esperienza appagante, forte. Che fa sognare e tornare. All’inizio, nell’antro stupefacente del piacere, si celebravano i conigli allevati nelle fosse. Eh, qua ci scrivo un altro libro… E poi c’era l’antipasto frugale, con i salami fatti con le proprie mani, seguìto da «lo spaghetto» per gli avventori, tedeschi, ieri come oggi. Anche quelli che continuano a bere il cappuccino davanti a un piatto di pasta. Mannaggia…

E vabbè. Tutto cominciò nel 1929. A proposito, si accettano prenotazioni per il Centenario.  

Copyright video, foto e testi © 2020

 

 

Ciro Cenatiempo

Che una esposizione diffusa con soluzioni site-specific goda della reciprocità influente tra gli artisti e i luoghi che la ricevono, è un effetto scontato. 

Ciro Cenatiempo

Mi sono dimenticato ancora una volta di chiedere perché il ristorante «Duilio» si chiama così. Potrei immaginare che il locale sia stato dedicato a un pugile molto famoso negli Anni Cinquanta e...

Ciro Cenatiempo

Il sentiero che sale dall’Arenella non è lungo, né troppo accidentato. Zompo rapido tra parracine di pietre laviche dell’Arso, rocce nere compatte che hanno compiuto 720 anni. Il viottolo con le...

Ciro Cenatiempo

Quando torno sulla terrazza del «Miramare e Castello», albergo che ha nel nome la sintesi apologetica del bello made in Ischia, immagino puntualmente di essere ospite sul ponte di uno yacht di...

Ciro Cenatiempo

«Bubbessa». Vi dice niente? È una parola femminile. Ma è nata come un soprannome maschile, trasformato poi in un ampio appellativo familiare che ha il sapore e il potere del mare.

Ciro Cenatiempo

Mettiamola così, per cominciare: «La donna è un’isola». È una affermazione apodittica ed è il titolo in italiano di un bel lavoro, originale e a tratti bizzarro della scrittrice islandese Auður Ava...

Ciro Cenatiempo

A volte avverto l’impulso di rivendicare l’autarchica genesi di questo spazio, non per ribellarmi alla (presunta) dittatura delle convenzioni, ma per giustificare le scelte più intime. Ci sono...

Ciro Cenatiempo

Il mio amico Marco Cortese, architetto, fotografo, designer e creativo ha deciso - da un po’ di tempo in qua – di lasciarci una traccia identificativa del suo multiforme percorso stilistico.

Ciro Cenatiempo

Vi propongo qualcosa d’inedito e risalente a qualche tempo fa: è un microracconto in più episodi legati tra loro dalla passione per il vino e non solo. Non ho mai avuto un diario. Dunque lo scrivo...

Ciro Cenatiempo

Mi faccio un regalo. E lo condivido. Per il VentiVentuno del secolo 21. Cabalisticamente non è niente male, andate a verificare. E poi, nella Smorfia, il 21 è la «donna nuda». Ahi,...

Ciro Cenatiempo

Stavolta sembro fuori contesto. Apparentemente. Recupero una «cosa» di qualche anno fa perché l’ultimo dei due protagonisti di questa storia se n’è andato in questo novembre del Venti Venti per...

Ciro Cenatiempo

Ueee, cos’è questo, miele? Sì, miele. Ma questo è un po’ diverso: è libero, è selvatico. Ed è proporzionale. Ma come? Te lo spiego: è proporzionale al paesaggio che lo contiene. Meno bellezza vedi...

Ciro Cenatiempo

È un soffio vorticoso, vibrante ma morbido e nobile, ritmato, e non è un rumore banale: arriva dalla cucina, è il suono delle uova appena sgusciate e poi battute rapidamente da mamma Iolanda....

Ciro Cenatiempo

Ehi, lo sapevi che, quando li coltivi in alto, molto in alto, ai pomodori col pizzo non devi far vedere l’acqua? Non m’importa cosa facciano altrove i contadini, ad esempio sulle dorsali vesuviane:...

Ciro Cenatiempo

Fotografo la bottiglia di «Castello» stappata da un bel po’, ormai in tarda serata, poggiandola sul parapetto che dà le spalle alla maestosa cupola della Chiesa dell’Immacolata. L’etichetta, che...

Ciro Cenatiempo

Le variazioni sul tema sono infinite. Farine e nuvole; semole, panetti e grammi; lieviti madri e padri, e lievitazioni lunghe o farlocche; paste cresciute o screscitate; forni, a legna, a gas,...

Ciro Cenatiempo

Eh, lo so, con questo titolo rischio la blasfemia. Sarò pure irriverente, ma mi stuzzica evocare una delle leggende ischitane più famose che, cavalcando la storia vera di un’amicizia epocale, narra...

Ciro Cenatiempo

Conigli di qua e conigli di là. Si fa presto a dire «coniglio all’ischitana», piatto totemico, ricetta identitaria. Alla prova – in trattoria o ristorante - le delusioni superano ampiamente le...