A PIECE OF HEAVEN

CAMPANIA FELIX

I sensi della terra

creta1

Mamma è una bella giornata raccogliamo i fiori??? Strano ma vero, mio figlio Giuseppe adora raccogliere i fiori insieme a me. È un gioco che abbiamo fatto sin da quando era piccino, giocando... giocando gli ho insegnato quasi tutti i fiori edibili del nostro territorio. Gli ho insegnato anche che bisogna raccoglierli in posti puliti da inquinamento, lontano dai campi trattati con i fitofarmaci e bisogna essere certi di non avere commensali allergici. È un lavoro certosino ma estremamente piacevole. I fiori danno allegria ed eleganza a svariate insalate ma a noi piace utilizzarli anche cotti. La parte edibile dei fiori in genere sono i petali e ogni fiore ha, come tutto in natura, un sapore particolare.

Siccome parlando abbiamo deciso di fare le tagliatelle fiorite ne raccogliamo di vari tipi e di gusti diversi. In effetti raccogliamo ciò che troviamo visto che ormai siamo agli sgoccioli, ancora qualche giorno e le gelate invernali bruceranno tutto.

Ecco il nostro bottino: fiori di borraggine dal sapore simile al cetriolo e di un bellissimo colore blu- violaceo; pratolina delicata e leggermente dolce; fiore di tarassaco dal colore giallo e sapore leggermente amaro; fiore di cicoria colore celeste chiaro e gusto amarognolo; acetosella colore giallo acido e gusto acidulo proprio come racconta il suo nome; nasturzio dal brillante color arancio sapore dolce e leggermente piccante; calendula colore del sole e gusto piccante e pepato; fiore di rapa, giallo a mazzetti molto delicato ; qualche fogliolina di prezzemolo e una foglia di rucola. Tanta roba ma piccoli i quantitativi, basteranno per le nostre tagliatelle.

creta1Andiamo nel mio laboratorio a fare le tagliatelle, io uso solo uova e farina mischiata a semola. Un uovo a commensale e normalmente un uovo assorbe 100 g di farina. Quindi queste sono le dosi. Noi siamo in tre, nonostante sia domenica non abbiamo ospiti! e chi li ha in questo periodo? Sorridiamo, siamo fiduciosi e ottimisti.

creta1Facciamo le tagliatelle. Faccio una fontana di farina e semola sulla spianatoia di legno e rompo le uova al centro, inizio a far assorbire la farina alle uova e, se necessario, qualche uovo può essere più grande aggiungo altra farina. L’impasto deve risultare bello sodo al punto da faticare un pochino per lavorarlo. Lo lavoro a lungo almeno 5 minuti come mi ha insegnato mia mamma. Normalmente lo faccio riposare un po’ prima di stenderlo ma stamattina è un pochino tardi e quindi inizio a stenderlo direttamente. Per essere veloce uso la macchina per la pasta per stenderla, quella semplice a manovella. La tiro a spessore che mi piace e faccio quattro strisce uguali di lunghezza.

Ora prendo tutti i fiori che ho accuratamente lavato e asciugato e con l’aiuto di Giuseppe cominciamo a fare un bellissimo prato fiorito su due delle quattro strisce di pasta. Finito di disporre i fiori prendo le strisce di pasta senza fiori e ricopro il mio prato fiorito. A questo punto mi trovo due strisce con in mezzo i fiori, le passo nel rullo della macchina per stendere allo stesso spessore di prima e le faccio riposare dieci minuti.

creta1

Le taglio e sono pronte per essere cotte. Ho già una pentola capace con abbondante acqua salata che bolle. Metto giù le tagliatelle e quando inizia il bollore con le tagliatelle che vengono tutte a galla, le sgocciolo. Per condirle io ho preparato un sugo al pomodoro molto semplice e leggero. Ho tritato finemente una cipolla e due spicchi di aglio. Metto l’olio in una pentola dal fondo spesso, aggiungo la cipolla e l’aglio tritati e la faccio rosolare bene, facendo attenzione a girarla spesso, per non farla scurire. Unisco poi la passata di pomodoro, regolo di sale, copro e faccio raggiungere il bollore a fuoco moderato. Da quando bolle abbasso la fiamma al minimo e faccio cuocere il sugo per 15-20 minuti.

A fine cottura metto due foglioline di basilico fresco e condisco le tagliatelle, spolverizzo con un pochino di formaggio grattugiato. Si possono condire a proprio piacimento con qualsiasi condimento purché leggero e non troppo saporito per non coprire il profumo e sapore delicato di queste straordinarie tagliatelle fiorite.creta1

I sensi della terra

Blog di Maria Concetta Creta
X

Avviso

Tutti i diritti sono riservati.
Qualsiasi riproduzione, anche parziale senza autorizzazione, è vietata.