A PIECE OF HEAVEN

Archeological sites

  • ROSCIGNO - the archaeological area of Mount Pruno

    It is the path 518 of the National Park of Cilento, Aburni and Vallo di Diano, the ancient Casiliccio path, that connects Old Roscigno immersed in its lethargic sleep to New Roscigno where life flows.

  • POGGIOMARINO - Il villaggio palafitticolo di Longola

    Ancora fino a qualche decennio fa, caratteristiche imbarcazioni di legno navigavano sul fiume Sarno, usate per la pesca e per la raccolta delle canne.

  • FRATTE - la città prima etrusca e poi sannita

    Avevano seguito il corso dell’Irno, fino ad avvicinarsi al luogo in cui s’incontra col mare.

  • CALVI RISORTA – l’antica Cales

    Vicino Calvi Risorta è localizzata l’antica Cales, fondata dagli Ausoni o Aurunci e loro capitale, poi cantata dai poeti latini e citata da Cicerone per la sua produzione vinicola già a quel tempo di eccellenza, come diciamo oggi.

  • PIETRAVAIRANO – teatro e tempio romano

    Della frazione di Sant’Eramo, nel territorio di Pietravairano, erano  conosciute in origine le mura megalitiche pre-romane.

  • SESSA AURUNCA – teatro romano

    Il recupero iniziò un secolo fa, con i primi scavi nell’area del teatro dell’antica Suessa, potente centro della Pentapoli Aurunca le cui prime testimonianze risalgono all’VIII secolo a.C.

  • TEANO – il teatro romano

    Il sentiero  verso il borgo di Teano attraversava terreni con resti di antiche costruzioni appena visibili tra rovi e erbe selvatiche. Per quelle presenze, l’intera zona era conosciuta ormai come “le Grotte” e vi era stata eretta una cappella dedicata alla Madonna.

  • CAPACCIO - the temple of Hera Argiva and the mouth of Sele

    According to Strabone, it was Jason, after having conquered the golden fleece, to stop with the Argonauts at the mouth of Sele and to dedicate a sanctuary to the goddess Hera.

  • ASCEA - the archaeological park of Elea-Velia

    A promontory on the sea with a nearby source of fresh water: for the Greeks it was the ideal condition for a new settlement. And between Punta Licosa and Capo Palinuro they found Focei settlers, fleeing after the defeat suffered in the naval battle of Alalia by an Etruscan-Carthaginian coalition.

  • MINORI - LA VILLA SUL RHEGINNA MINOR

    Era il I secolo d.C., tra il 30 e il 60, quando un ricco e colto personaggio della Roma imperiale, forse un senatore, costruì la sua grande villa marittima nel luogo che dal torrente avrebbe preso il nome di Rheginna Minor, divenuta semplicemente Minori molto tempo dopo, con la dominazione sveva. Quella villa marittima, sepolta dai materiali dell’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. e da colate di fango successive, dopo essere stata

    ...
  • ISCHIA, THE SUBMERGED CITY OF AENARIA

    For nineteen centuries, Aenaria had been only a legend. In the bay dominated by the Aragonese Castle, no one had never found traces of the mythical Roman city which had transmitted its name to the entire island.ph. I. Moccia pUntil the summer of 1973, when two friends, during a

    ...
  • CAPRI - L’ISOLA DEGLI IMPERATORI

    Dedicata a Giove, la Villa Jovis dell’imperatore Tiberio è la prima tra le dodici ville isolane d’epoca romana. Immensa, con settemila metri quadrati di costruzioni, tredicimila metri di parco con terrazze e ninfei disseminati su 40 metri di dislivello, si protende, maestosa, verso la Penisola Sorrentina e Punta Campanella. Gli scavi di Amedeo Maiuri hanno riportato alla luce il nucleo centrale con grandi

    ...
  • POZZUOLI, THE FLAVIO AMPITHEATRE

    The Flavio Amphitheatre, which has the same name as the eternal city, it is the third largest after the Coliseum in Rome and the one of Maria Capua Vetere, in Capua.

  • POZZUOLI - THE RIONE TERRA HAS BEEN FOUND

    The Rione Terra is the heart of the ancient Roman Puteoli, fully enhanced in its great archaeological value with a restoration that, in recent years, has also allowed its use by the public.
  • POZZUOLI - THE MACELLUM TAKEN FOR TEMPLE

    The most singular monument of Pozzuoli is the macellum, or the public market, better known as the Temple of Serapis for the discovery of the statue of the Greek-Egyptian god seated on a throne with the calathos on his head, a basket, symbol of abundance and fertility.
     
  • BENEVENTO - IL TEATRO ROMANO

    Il grande teatro romano del capoluogo sannita, quando era in uso, arrivava ad accogliere anche diecimila spettatori. Fu realizzato sotto Adrianoin prossimità del cardo maximum cittadino e inaugurato nel 126 d.C., come ricorda uno dei due cippi all’ingresso della scena, mentre l’altro celebra l’ampliamento voluto da Caracalla tra il 200 e il 210. Un teatro maestoso come si conveniva

    ...
  • TORRE ANNUNZIATA - l’antica Oplontis

    unescoUna scoperta casuale, come la maggior parte di quelle che fin dal Settecento hanno restituito i tesori archeologici all’ombra del Vesuvio.

  • STABIA

    Il mito ne collega l’origine a Ercole. Ma furono gli Osci, che si insediarono su quel tratto di costa dell’ampio golfo nell’VIII secolo a.C,, a fissare per la prima volta in un’iscrizione il nome di Stabia.

  • BOSCOREALE - un grande patrimonio disperso nel mondo

    Per secoli hanno contribuito a impreziosire le collezioni dei musei di mezza Europa e d’Oltreatlantico. Scoperte, rivelate al mondo, spogliate del loro contenuto più pregevole e poi, quasi sempre, riaffidate alla terra e all’oblio.

  • ERCOLANO - la Villa dei Pisoni o dei Papiri

    unescoGli scavi alla ricerca dell’antica Ercolano sepolta dall’eruzione del 79 d.C. furono avviati nel 1738, ma la fama della città uscita dal fango fu ben presto soppiantata da quella di Pompei che dista poco meno di 20 chilometri.

  • POMPEII, THE ANCIENT WORLD HERITAGE CITY

    unescoPompeii stands on a plateau 30 meters above sea level and at a short distance from the mouth of the Sarno river. The fortune of the city was in fact linked to its position next to the sea, that made it a port for every centre of the Campania hinterland, in competition with the Greek cities of the coast.

  • MIRABELLA ECLANO - il parco archeologico sulla via Appia

    Su una dorsale collinare tra le valli del Calore e dell’Ufita, Mirabella trae il suo secondo nome dall’antica Aeclanum, il cui sito è nella frazione Passo di Mirabella.

  • CUMAE

    Regarding the origins of the city, the most conformed hypothesis is that it was founded around the 8th century b.C by the habitants of the nearby Pithekoussai (Ischia) coming from the Euboea cities of Chalcis and Eretria. In a very short time, it became a flourishing and powerful city, and it extended its influence on the phlegraean and Parthenopean gulf.